Daniela Gallo - Educazione somatica

 

Il termine “Movement Intelligence”

racchiude a ombrello tutti i programmi di movimento ideati da Ruthy Alon, allieva diretta di Moshé Feldenkrais, per preservare e/o migliorare l’allineamento del nostro corpo, la stabilità, le funzioni quotidiane, la salute dello scheletro e di tutti i tessuti in generale.
Il primo progetto del Movement Intelligence è stato “Bones for life o Ossa per la vita”, a questo ne sono seguiti altri nati dallo sviluppo e messa in campo del primo. Tra questi ”Solutions o Soluzioni per una mobilità ottimale” è l’ultimo e il più completo realizzato dalla Alon. “Solutions” offre semplici movimenti da svolgersi in piedi, seduti o in appoggio a una parete . Raggiungere modi migliori di stare in piedi e muoversi arricchisce il nostro vocabolario di azione nella vita di tutti i giorni ed migliora la consapevolezza di come agiamo.
Queste “strategie di movimento” possono essere poi praticate quotidianamente in autonomia per mantenere tale stato di benessere e vitalità e diventano strumenti per alleviare piccole tensioni, respirare meglio e camminare meglio.

Durante le lezioni l’insegnante stimola a trovare un propria risposta motoria e non all’imitazione del movimento.
Il linguaggio del Movement Intelligence è basato sul Metodo Feldenkrais che è definito di apprendimento organico.
In questo metodo gli esercizi, definiti processi, sono concepiti come un laboratorio in cui migliorare, attraverso prove ed errori, gli atti motori da riutilizzare all’esterno nel nostro quotidiano.

Certified Movement Intelligence Teachers and Trainers (by country)

 

“Ossa per la vita” stimola la resistenza delle ossa e migliora la postura poiché un buon allineamento permette allo scheletro di ricevere le stimolazioni di cui necessita per mantenersi forte ed elastico. Le lezioni di “Ossa per la vita” ripropongono le pressioni adatte a rafforzare lo scheletro e agiscono sulla trasmissione della pressione tra un segmento osseo e l’altro definita “effetto domino”.

A  chi è rivolto
E’ adatto in particolare nei casi di osteopenia, osteoporosi e osteoartrosi; è rivolto inoltre a chi intende migliorare la stabilità, la camminata e rendere più funzionali azioni come l’alzarsi e sedersi ad esempio. Integrare questa attività con una camminata regolare permette di mantenere un buono stato di salute generale e delle ossa, migliorando lo stile di vita e la vitalità. La camminata effettuata con un buon ritmo inoltre rivitalizza la circolazione periferica, favorisce l’assorbimento degli elementi nutritivi da parte delle ossa e i processi di scambio metabolico tra sangue e ossa.

Cosa dicono gli studenti…
Progetti 

 

“Habits are not terminal. Part of the habit is believing that it can’t be any different.”

Ruthy Alon